RQZ , IL DELFINO MOTOCICLISTA

Schermata 2016-03-08 alle 21.03.58

Una storia stupenda, fresca, coinvolgente.Forse un sogno, uno di quei sogni che sono troppo belli per essere ricordati al risveglio.         Il sogno di un bambino attratto dal mare, dal suo blu, dai suoi delfini. Delfini “umani” che parlano, si vestono, guidano e con il loro amico motociclista condividono emozioni infinite. Dire che mi piacerebbe essere RQZ sarebbe scontato. Mi basterebbe poter essere il motociclista. Davvero una bella storia.

Umberto Pelizzari (firma)

Prefazione

Dolci e gentili, intelligenti, sensibili e astuti.    Simpatici a tal punto da non riuscire ad essere tristi nemmeno in fin di vita.     Capaci di stregare ogni essere umano con la loro schiettezza, il loro fascino, il loro tenerissimo modo di essere. Così vengono descritti i delfini nel romanzo che state per leggere, anzi nella favola in cui vi state per immergere, perché proprio da una fiaba sembrano essere usciti questi animali così tanto umani da far dire, come succede altrimenti nel caso dei cani, «gli manca solo la parola». Che, neanche a dirlo, nelle pagine che seguono viene loro data per rendere ancora più perfetta l’amicizia, l’amore addirittura, che può legarli, ricambiati, a ciascuno di noi.     Ma com’è possibile spiegare, licenze letterarie a parte, tanta facilità e voglia di comunicazione fra esseri che non vivono nello stesso elemento?     Piacevolissimo mistero che già gli antichi greci avevano risolto ricorrendo al mito dei delfini, come metamorfosi di uomini talmente incuriositi dalle profondità del mare da voler assomigliare ai pesci, pur restando mammiferi.    Pronti ad accorrere in soccorso di quelli che hanno continuato a considerare, in qualche modo, loro simili, in un circolo virtuoso di reciproca generosità che allarga il cuore.    E pure il sorriso, in un gioco spericolato di invenzioni surreali e piene di umorismo, a cui l’autore stesso consiglia di accostarsi con gli occhi smaliziati di un bambino e con l’allegra disponibilità di chi si impegna a favore della natura e degli animali per non smarrire il senso più profondo della vita.

Alessandro Cecchi Paone. (firma)

L’autore

Questo libro è dedicato a un grande amico, al più grande subacqueo che ci è capitato di conoscere e alla sua motocicletta, scomparsi insieme in una nuvola la sera del 21 agosto del 1997. Che ci crediate o no, l’ottanta per cento di quello che leggerete in questo racconto è realmente accaduto.       Il restante venti per cento appartiene al mondo delle favole, ma se la vita non è un po’ una favola, che vita è?

il direttore

se volete potete acquistarlo cliccando qui

Se apprezzate il mio lavoro potete aiutarmi a vivere con una piccola donazione, anche un solo euro farà la differenza

Lascia un commento