MI MANCHI ENRICO

Schermata 2016-03-12 alle 00.26.00

Mi mancherà il tuo incedere elegante, simile a un cavallo libizano, mi mancherà il tuo sguardo così dolce che è impossibile da trovare negli esseri umani, mi mancherà la tua sensibilità, il tuo desiderio di essere approvato, mi mancheranno le risate che ci siamo fatti insieme, la tua ostinazione e il tuo coraggio. Mi mancherà la pressione della tua testa, della tua bella testa contro le mie gambe e il tuo parlare. Dicevi più cose tu di chiunque altro. La vita oggi mi sembra vuota, senza senso, eppure con me sei vissuto assai, dieci anni, contro la media di sette tipica della tua specie.
Viene da chiedersi perché Dio fa creature così belle che vivono solo dieci anni al massimo. Dieci anni passano in un soffio.
Mi manchi Enrico e a nulla servono le mie lacrime e la mia disperazione.
Però mi ritengo un privilegiato, ho avuto al mio fianco per 18 anni due stupendi cani Rhum il primo, Enrico il secondo, due splendide creature che hanno cambiato il mio essere.
Camminerò ancora in questo mondo ma nulla sarà più come prima.
Mi manchi Enrico

il direttore